BOGOTA'

 

Bogotá è la capitale della Colombia e del dipartimento di Cundinamarca. Attualmente la città conta circa sette milioni di abitanti ed è divisa in 20 quartieri. In città si trovano i principali palazzi governativi (Gobierno Nacional). Il sindaco della città (Alcalde Mayor vigente al momento) viene eletto ogni 4 anni insieme al Consiglio distrettuale.
Il nome Bogotà deriva dalla parola indigena Bacatá, che indica un tipo di agricoltura praticata dagli indigeni Zipas.
E’ una città dall’architettura futuristica, con grattacieli, università, magnifici musei e splendide chiese coloniali.
Le dimensioni e lo status di città capitale ne fanno il centro principale della vita politica, economica, culturale ed intellettuale. Lungo i suoi marciapiedi una folla variopinta si aggira tra le innumerevoli bancarelle ed il traffico nelle arterie principali è molto intenso.
Bogotà sorge in una conca fertile circondata da montagne ed è qui che si trovava una delle più evolute culture precolombiane, gli indios Muisca.
Gli spagnoli arrivarono con Gonzalo Jimènez de Quesada nell’aprile del 1537 ed il 06 agosto del 1538 fondò vicino a Bacatà, la capitale muisca , Santa Fe de Bogotà. Inizialmente constava solo 12 baracche ed una cappella. Il nome dato era stato preso dalla combinazione tra l’originale nome muisca della città Bacatà e quello di Santa Fe, città natale di Quesada in Spagna.
Nei primi anni fu sotto il governo di Santo Domingo e nel 1550 passò sotto la giurisdizione di Lima, che all’epoca era vicereame del Perù e sede del potere spagnolo nelle colonie Sud Americane.
Divenne subito dopo punto di partenza per innumerevoli spedizioni alla ricerca di El Dorado ed i luoghi di culto muisca vennero distrutti e rimpiazzati da chiese.
Nel 1717 Santa Fe venne dichiarata capitale del Viceregno della Nueva Granada, una nuova istituzione che comprendeva il territorio attuale tra Colombia, Panama, Venezuela ed Ecuador.
Lo sviluppo della città venne sempre ostacolato dai numerosi terremoti ed epidemie di vaiolo e tifo soprattutto nel corso del XVII e XVIII sec.
La lingua indigena chibcha venne bandita nel 1783 e, dopo l’indipendenza, il Congresso di Cùcuta accorciò il nome solo con Bogotà e la nominò capitale della Gran Colombia.
Il suo sviluppo e la crescita della popolazione aumentò vertiginosamente e nel 1884 cominciò a circolare il primo tram della città, vennero poi costruite le linee ferroviarie che permisero il collegamento della città con i porti fluviali del Rio Magdalena.
Il 09 Aprile del 1948, dopo l’assassinio del leader popolare Jorge Eliècer Gaitan, prese vita la rivolta El Bogotazo dove morirono più di 2500 persone ed il centro di Bogotà venne completamente distrutto.
Nel 1954 le città limitrofe di Bosa, Engativà, Fontibòn, Usme, Suba e Usaquèn vennero assorbite dalla città di Bogotà formando il Distrito Especial. Continuò in questo modo ad espandersi divenendo una grande metropoli.
Nel 1991 Bogotà riprese il nome originario di Santa Fe de Bogotà, ma comunemente continua ad essere chiamata solo Bogotà.

A NORD DI BOGOTA'.

Il cuore della Colombia ............. una regione che si presenta prorompente, invasa da profonde gole, fiumi impetuosi e cime svettanti. Qui per primi si stabilirono i Conquistadores e ancor oggi la regione conserva svariate città coloniali. Mete privilegiate dal turismo locale sono i dipartimenti di Boyacà, Santander e Norte de Santander, località facilmente raggiungibili da Bogotà e collegate da una buona rete stradale ed efficienti mezzi pubblici. Sono molteplici i luoghi d'interesse che vanno da cittadine coloniali risalenti a 450 anni fa, mercati di artigianato e parchi nazionali di notevole bellezza. Per gli amanti degli sports sarà naturalmente possibile praticare rafting a San Gil, escursioni a piedi lungo la sacra Laguna de Iguaque. Sarà inoltre possibile godere di una cena all'aria aperta in un ristorante chic di Giròn, dedicarsi allo shopping acquistando ceramiche a Ràquira ed ancora divertirsi animatamente fra i locali alla moda di Bucaramanga.

DA NON PERDERE
*Una passeggiata all'insegna dello shopping alla ricerca di ciondoli da sfoggiare, ceramiche artigianali e ceste da acquistare ed esporre nella proprio dimora. Tutto ciò é disponibile nella via principale ed unica della cittadina di Ràquira.

  • Praticare sports avventurosi ed esaltanti nella zona ecoturistica di San Gil
  • Intraprendere una passeggiata notturna fra le mille luci della cittadina coloniale di Barichara
  • Una serena e piacevolissima passeggiata lungo la strepitosa campagna attorno Villa de Leyva
  • Escursioni fra le meraviglie paesaggistiche della località alpina del Parque Nacional El Cocuy...Naturalmente da intraprendere interamente a piedi



STORIA
Gli indios muisca e guane, rispettivamente Boyacà e Santander, erano gli antichi abitanti delle regioni site a nord dell'odierna Bogotà, i quali si adoperavano maggiormente nel commercio, viste le loro proficue produzioni agricole e minerarie grazie alle sofisticate tecniche possedute. Frequenti erano i contatti con i conquistadores spagnoli. Generazioni successive si opposero al dominio spagnolo nell'attuale Santander, anticamente Socorro. Proprio per questa ragione si accese maggiormente l'antica fiamma per la lotta all'indipendenza. Simon Bolivar armato dal suo esercito affrontò gli spagnoli riportando vittorie decisive ed importanti. Proprio in questo periodo a Villa del Rosario fu redatta la prima Costituzione colombiana.

CLIMA
Variabile a seconda dell'altitudine. La città pià alta e fredda di questa regione é senz'altro Tunja, ubicata a 2820 metri con una temperatura costante di circa 13°C. All'opposto troviamo Cùcuta, la città più calda ed afosa con temperature medie di 27°C. Città montane come Pamplona, San Gil, Barichara sono un tantino più fresche rispetto a Bucaramanga, la quale si trova in pianura.

TRASPORTI
Regione facilmente raggiungibile da Bogotà. Si incontra per prima Tunjia che dista circa un paio ore e mezzo di trasporto pubblico locale. Costanti sono anche i collegamenti fra Medellin e Bucaramanga, Cùcuta é un porto franco di spicco, Barranquilla e Bucaramanga sono collegate fra loro da una rete stradale la cui durata di percorso é di circa 9 ore e non esistono collegamenti aerei. L'interno della regione vede collegamenti urbani mezzo autobus e minivan ogni mezz'ora, le località minori hanno una o due corse al giorno. Una buona alternativa sono i taxi oppure nolo bici e cavalli a Villa de Leyva per esplorare al meglio la campagna circostante.

 

 

Le nostre strutture a Bogota`:

 

COSMOS 100 05       HOTEL COSMOS 100    Bogota`      

 

THE ORCHIDS HOTEL

        THE ORCHIDS HOTEL

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca le nostre offerte

Da oggi siamo su Facebook aiutaci a far conoscere la Colombia!Clicca mi piace!

Nuovo Sondaggio

Il luogo in Colombia che consiglieresti di vedere ad un amico
 

CHI E' ONLINE

 31 visitatori online

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information